• cityscape colours
  • city nero
  • skyline titolo
  • city bianco

Galleria.

  • All
  • LANDSCAPES
  • OBJECTS
  • FIGURES
  • CITYSCAPES
  • COMPOSITIONS
  • Default
  • Title
  • Date
  • Random
    • LANDSCAPES
    • OBJECTS
    • FIGURES
    • CITYSCAPES
    • COMPOSITIONS

Notizie/Eventi

- Parteciperò alla mostra d'arte organizzata da Fausto Brozzi presso gli splendidi spazi espositivi di Cà Zanardi dal 6 al 28 Ottobre 2017 (durante la biennale). La mostra vedrà la presenza di artisti da tutto il mondo. Pittura, scultura, fotografia, design. Una mostra unica, nata dalla prima esperienza nell'anno 2011 di "World art in Venice" che ha registrato la presenza di 2.500 visitatori internazionali in soli 15 giorni. Gli artisti presenteranno le loro opere più importanti in un contesto pieno di fascino ed attrazione, nello splendore della Venezia antica. Vedremo quello che gli altri non vedono e sentiremo quello che gli altri non sentono, vibrazioni, pensieri ed emozioni degli artisti che saranno presenti durante l'inaugurazione il giorno 6 ottobre alle ore 19,00. La mostra rimane aperta tutti i giorni tranne il lunedì dalle ore 10 alle 12 e dalle ore 14 alle 18. - entrata libera

Monica Catto.

Monica Catto, tra gli artisti italiani contemporanei più significativi, soprattutto per la sua grande capacità di mettersi in discussione e ricercare a tutto campo nuove soluzioni, sia per quanto riguarda l’aspetto tecnico-formale della sua pittura, sia per i soggetti presi in considerazione, si è evoluta artisticamente in pochi anni da un intenso e piacevole figurativo paesaggistico e ritrattistico a una sorta di singolare figurativo-informale denso di simbolismo e concettualmente più impegnativo.

Di questa nuova e fresca ventata creativa fanno parte le opere del ciclo “Urban Impact”, una serie di forti e asciutte vedute delle nostre metropoli con tutto il loro fascino e i loro trabocchetti, come dice la stessa artista, negli ultimi anni contesa da importanti gallerie di Venezia e Firenze, “la città, una metropoli che incombe sull’uomo ma che lui desidera dominare. La città come una fabbrica di significati in grado di giustificare il passato e di plasmare il futuro”..